Seguici su

Cerca nel sito

Il grecale spinge su Ostia e Fiumicino la puzza del rogo di Aprilia

Un acre odore di fumo e plastica bruciata ha risvegliato i residenti del litorale romano

Ostia – Risveglio con nell’aria la puzza di plastica bruciata per i residenti dei quartieri costieri di Roma. Decine di migliaia di persone di Acilia, Infernetto, Isola Sacra sono immerse in una bolla maleodorante caratterizzata anche da una leggera foschia.

Colpa del vento dell’Est, il cosiddetto grecale, se anche Ostia e dintorni subiscono gli effetti del pauroso incendio che il 9 agosto h distrutto il capannone industriale di via dei Giardini, ad Aprilia. Il materiale plastico e i rifiuti stoccati nella struttura hanno rilasciato nell’aria fumo densi e nauseabondi.

Fin dalle prime ore del mattino i centralini del 112 Numero Unico delle Emergenze sono tempestati di telefonate di richiesta di spiegazioni del fenomeno. Evidentemente non bastano gli oltre 40 km di distanza da Aprilia per mitigare l’effetto disastroso dell’incendio.