Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Ufo tra di noi, la Nasa leva il segreto ai file. E sul litorale romano si susseguono gli avvistamenti

Video, foto e racconti da Ostia, Ladispoli, Dragona, Fregene, Fiumicino che testimoniano la presenza periodica di oggetti volanti non identificati

La Cia ha deciso di svelare i segreti legati agli avvistamenti Ufo.

Tutti i documenti sugli oggetti volanti non identificati raccolti dalla Central Intelligence Agency sono stati rilasciati questa settimana su un cd-rom e sono accessibili attraverso il sito The Black Vault.

La documentazione raccolta dagli 007 americani va dagli anni ’50 fino al 2000 e testimonia le visite che gli Unidentified Flying Object svolgono periodicamente nel mondo.

D’altro canto sembra che risalgano al 1947 i primi avvistamenti Ufo, almeno secondo il rapporto presentato a Roma nell’ottobre del 2011 al X convegno di ufologia (leggi qui). Un’occasione nella quale furono anche documentati oltre 200 avvistamenti effettuati tra il gennaio e l’agosto di quell’anno a riprova che gli extraterrestri ci sono e vengono a trovarci.

Nel tempo, però, in particolare negli ultimi quattro anni, sono state diverse le occasioni nelle quali è stata segnalata la presenza di dischi volanti, sfere luminose, oggetti non identificati specialmente nelle zone del litorale romano.

Il 21 gennaio del 2018, infatti, centinaia di persone segnalavano l’avvistamento di Ufo nella zona dell’Infernetto (leggi qui). “Un enorme globo luminoso di colore verde”. Veniva descritto così da quanti avevano assistito allo spettacolo in diversi quartieri del litorale romano, ma anche a Fiumicino. E ancora il 23 gennaio 2018 a Dragona, dove una donna alle 13 ha visto e immortalato con un video di un minuto e 43 secondi, l’oggetto volante luminoso ( leggi qui). Due circostanze che hanno incuriosito il gruppo di Skywatcher ostialido.

A seguire, il 16 marzo del 2020 alle 19.46 una donna, residente a Centro Giano a ridosso di Acilia lungo la via del Mare, ha raccontato di “aver visto una sfera luminosa particolarmente brillante in cielo” (leggi qui). E quattro giorni dopo tra Anagnina e Tuscolana, un altro avvistamento. Stavolta “una sfera bianca molto luminosa ferma nel cielo che all’improvviso ha iniziato a muoversi a scatti”.

Massimo Frattini, uno dei massimi esperti internazionali di ufologia, ha confermato la singolarità degli avvistamenti anche di quelli relativi ad aprile 2020 sul litorale romano, ma anche in Toscana, Puglia e Campania (leggi qui). In merito ai quali Frattini ha dichiarato: “La sfera che arriva e si ferma, cambiando colore e aspettando la flotta di UFO, si chiama “sfera sentinella”. Una volta passato il gruppo di UFO, la sfera svanisce nel nulla”.

Il 31 maggio del 2020 l’ufologo Massimo Frattini segnalava l’avvistamento di una flotta di oggetti volanti sulla verticale della zona Barberini oltre che di Ladispoli e Fregene. Una quarantina di oggetti volanti si muovevano nel cielo in direzione sud (leggi qui).

Si tratta di documentazioni, alcune volte amatoriali, raccolte soprattutto lungo il litorale romano che testimoniano gli avvistamenti e, quindi, visite periodiche degli Ufo che incuriosiscono dilettanti e addetti ai lavori e che nei rapporti della Cia potrebbero trovare risposte.

(Il Faro online)