Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Berrettini: “Neppure nei sogni.. alla Coppa Davis per la seconda volta”

Il tennista romano convocato ieri all’evento di fine novembre. Dopo Londra nel 2019, ecco Torino

Più informazioni su

“Non lo avevo neppure sognato, era qualcosa di troppo grande, ma ora sta accadendo, voglio fare del mio meglio”. Così Matteo Berrettini dopo la notizia della matematica qualificazione alle sue seconde Atp Finals (nel 2019 si qualificò a Londra). (leggi qui)

La certezza di poter accedere al Palasport olimpico di Torino dal 14 al 21 novembre prossimi è arrivata dopo il 7-6, 6-3 all’esordio nell’Atp 500 di Vienna e la contemporanea sconfitta al primo turno del polacco Hubert Hurkacz, battuto da Andy Murray.

“Il 2020 è stato un anno difficile per me, dentro e fuori dal campo. Qui sto per giocare la mia seconda Finals e non posso crederci. Devo sempre ricordare da dove ho iniziato”, ha spiegato il 25enne romano.

“Quando nel 2019 mi dissero che le Finals sarebbero state a Torino, ricordo che il sindaco della città mi disse: ‘Ci vediamo a Torino’. E io: ‘Sì, d’accordo’. Poi mi sono qualificato per Londra e ora mi sto qualificando per Torino. Non riesco proprio a descrivere quanto sono felice. Spero che il Paese sia orgoglioso di me”.

Berrettini si unisce al russo Andrey Rublev, al numero 1 al mondo Novak Djokovic, al campione degli Us Open Daniil Medvedev, al greco Stefanos Tsitsipas e al tedesco Alexander Zverev.

Rimangono in palio due posti per le Finals: saranno aggiudicati nelle ultime tre settimane della stagione dell’Atp tour. Se li contendono Casper Ruud, Hubert Hurkacz, Jannik Sinner e Cameron Norrie. (Ansa).

(foto@Federtennis/Facebook)

Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport

Più informazioni su