Seguici su

Cerca nel sito

Sette Colli 2020, Paltrinieri oro nei 1500 stile e record europeo: “Troppo bello”

Felicissimo a fine gara il campione olimpico fa il vuoto e si prende l’ultima gara in calendario del Sette Colli 2020

Roma – La sua esultanza in corsia ha richiamato un momento importante della sua carriera. A Budapest Greg aveva indossato la corona del Re dei 1500 ai Mondiali di nuoto del 2017, per la seconda volta. Anche in quell’occasione si era seduto sul galleggiante ed aveva menato l’acqua. E questa sera, dopo la sua strepitosa gara al Sette Colli, in cui in quei 1500 si è imposto ancora, lo ha fatto di nuovo. Un gesto profetico probabilmente in un tempo in cui il nuoto si proietta verso le Olimpiadi di Tokyo, coronavirus permettendo. Ma il sogno di andarci e vincere è più forte della pandemia.

Meraviglioso Greg al Sette Colli allora. Dopo l’oro conquistato ieri negli 800 (leggi qui), in cui detiene il titolo mondiale, l’atleta azzurro dunque si prende anche i suoi 1500 metri stile libero. Una gara in cui Paltrinieri torna il migliore e conquista anche il record europeo. Il tempo è quello che fa sorridere e strappa applausi (come è accaduto effettivamente sugli spalti e a bordo vasca): 14’33”10. Sotto le luci dello Stadio del Nuoto, il nuovo nella sua vita prosegue a prenderlo per mano, con grande entusiasmo.

Non si trattiene il campione olimpico ai microfoni di Raisport: “Troppo belloesordisce Gregoriosentivo la nuotata mai come prima”. Il vuoto assoluto dietro di lui, solitaria la sua gara. Quella dei perfetti, quella dei campioni leggenda. Paltrinieri prosegue: “Capivo che stavo facendo un gran tempo. Non lo avrei mai sognato. Ho tirato fortissimo, sono contentissimo”.

Parlando della sua decisione di cambiare allenatore dichiara: “Ho deciso di andarmene e mi è piaciuto da subito”. Non sono terminati gli impegni per Greg però. Tra alcuni giorni si svolgeranno i Campionati Italiani di nuoto di fondo a Piombino. I primi Assoluti per il campione di nuoto innamorato del mare: “Sono curioso di vedere come andrà in mare”.

(Il Faro online)