Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Sinner, Musetti e Berettini vs Nadal, Djokovic e Federer: l’esame del tennis italiano

La nuova generazione d’oro sfida la vecchia guardia, eccellente e padrona. Domani gli ottavi di finale al Roland Garros

Parigi – Il tennis italiano sempre più protagonista nel circuito del Grand Slam. Domani sarà una giornata  da ricordare per il mondo azzurro. Scendono in campo sul rosso di Parigi, in occasione degli ottavi di finale del Roland Garros, Mauro Berrettini, Jannik Sinner e Lorenzo Musetti (leggi qui). Al di là della notizia della conquista del turno ottenuto ieri dai tre moschettieri in terra di Francia, grazie alle vittorie conquistate al terzo turno in tabellone, ciò che emoziona è il particolare momento storico del tennis italiano. Da sempre spettatore di altri campioni internazionali e per tantissimi anni, nel secondo decennio degli anni 2000 ecco la nuova generazione dei tennisti a cambiare la storia. Una storia scritta sin da ora e sin da questi tennisti che con il nome di Sinner, Berrettini e Musetti, tra gli altri, stanno conquistando consensi e prestigio. Ci sono anche loro nelle classifiche Atp e tra i primi 20. Mai accaduto prima.

I numerosi tornei partecipati da Sinner in cui è arrivato spesso in finale per giocarsi il torneo, i volée con la racchetta di Musetti e il carattere forte e determinato di Berrettini, ormai conosciuto dagli avversari sono punti di conoscenza importanti per questi tre giovani che probabilmente costruiranno imprese eccellenti nel tennis mondiale. La nuova generazione di tennisti che sfida la ‘vecchia generazione’ ma sempre pronta a farsi sentire e sempre attuale. Saranno allora degli ottavi di finale banchi di prova, non solo per Jannik, Matteo e Lorenzo, ma anche evidentemente per testare la crescita del tennis odierno. Chi saranno i professori? Loro. Le leggende. E qui sta l’ennesima notizia. Tre azzurri per tre leggende del tennis. Sinner se la vedrà con Rafael Nadal, Berrettini sfiderà Roger Federer (se quest’ultimo deciderà di proseguire il torneo, salvo complicazioni al ginocchio appena rimesso) o in alternativa Koepfer e Nole Djokovic giocherà con Lorenzo Musetti e per la prima volta in carriera. Il sogno di vincere con questi grandissimi avversari, quasi insuperabili (ma nello sport tutto è possibile) esiste. E’ concreto. E lo dicono anche gli avversari stessi. Nadal ad esempio ha parlato di Sinner in conferenza stampa a Parigi. Ed è un avversario tostissimo. Così lo ha definito, dopo averlo elogiato spesso negli Slam precedenti.

La generazione d’oro del tennis italiano’ come l’ha definita il Times recentemente sfida il mondo. Il mondo del tennis. Sicura delle proprie possibilità, ma consapevole del talento e della imponenza tecnica di chi l’attende dall’altra parte della rete. Sinner proverà a far abdicare Re Nadal, 13 volte vincitore di Parigi, Musetti vorrà affrontare la sfida con Nole, con divertimento e impegno, come lui stesso ha detto e Berrettini attende la partita con Federer. Non sarà semplice per il tennis italiano, ma sarà facile emozionarsi evidentemente, per crescere ancora e tentare la storia.

(foto@FedertennisFacebook)

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport