Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Scherma, Fichera: “L’oro di Kazan fa strada verso le Olimpiadi”

Lo spadista azzurro è salito sul primo gradino in Coppa del Mondo. Per i Giochi si rafforzano le certezze

Roma – Ha già in bacheca un argento olimpico Marco. E probabilmente, seppur felicissimo di averlo conquistato a Rio 2016 con Enrico Garozzo, Andrea Santarelli e Paolo Pizzo, il vicecampione a cinque cerchi della spada a squadre e bronzo europeo nel 2018, vorrà riscattare la medaglia del secondo posto e prendersi il primo gradino a Tokyo.

I presupposti sono i migliori per l’Italia della scherma. Ancora una volta lo sport che regala la maggiore quantità di medaglie al Paese e lo sport che è tornato in pedana solo in questo mese di marzo, dell’era 2021 del Covid, ha tra gli atleti di punta, anche lui. Insieme a Garozzo, Santarelli e Gabriele Cimini. Per la categoria a squadre. Hanno vinto gli azzurri a Kazan. La scorsa domenica nella prima tappa di Coppa del Mondo del 2021 e di ritorno, dopo 12 mesi di stop forzato, la spada ha portato a casa un bellissimo oro in team. (leggi qui)

E’ stato proprio Fichera a dare la stoccata finale, a prendersi il punto vincente. Lui l’ultimo degli azzurri ad affrontare gli avversari dell’Ucraina. Ha vinto l’Italia e Marco è strafelice per un ritorno così entusiasmante, in vista delle prossime Olimpiadi.

Lo scrive sulla pagina ufficiale Facebook l’atleta delle Fiamme Oro: “Abbiamo vinto nel modo più bello. Abbiamo lavorato sodo con il gruppo per prenderci questo successo. Dopo un anno di stop tornare e mettere l’oro al collo è straordinario”.

Una boccata d’aria per tutto l’ambiente la medaglia del primo posto e una speranza fortissima per Tokyo. Marco Fichera è carico e ci crede nel sogno più bello.

(foto@AugustoBizzi)

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport

 

Abbiamo vinto.
Lo abbiamo fatto nel mondo più bello, quando tutto sembrava perso e quando chiunque avrebbe smesso di…

Pubblicato da Marco Fichera su Mercoledì 24 marzo 2021