Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Paltrinieri: “Le medaglie di Tokyo mi hanno fatto crescere”

Il vicecampione olimpico degli 800 metri stile e bronzo nel fondo a Il Festival dello Sport. La mononucleosi e le difficoltà incontrate

Trento – Ha ritrovato il sorriso Paltrinieri. Con due ori appena conquistati nella tappe italiane della Len Cup di fondo dei 10 km maschili (Piombino e Alghero) il vicecampione olimpico degli 800 metri a Tokyo ha raccontato la sua estate. Prima complicata e poi rinfrescata dalle medaglie del conforto e della rivalsa sulla mononucleosi, diagnosticata un mese prima delle Olimpiadi.

Ne ha parlato Greg a Il Festival dello Sport di Trento: “Questa è stata un’estate particolarmente difficile per me, anche in considerazione delle gare in programma. È andato tutto storto, e sono arrivato alle Olimpiadi cercando di gareggiare al meglio, anche se il mio stato di forma non era ottimale. Esco da questi giochi cresciuto: ho capito quanto conta la testa in una gara”. Confrontandosi con Massimiliano Rosolino il bicampione mondiale dei 1500 e plurimedagliato europeo ha ripercorso i suoi Giochi.

“A Tokyo sono arrivato male e depresso – ha raccontato il nuotatore – fino agli Europei ero nelle condizioni migliori, poi, quest’estate, mi sono allenato per un mese senza trovare un appiglio a cui sostenermi, i medici mi dicevano che non potevo neppure nuotare. Sugli 800 metri ho capito che potevo ancora farcela, anche se è stata dura. Mi sono messo in discussione, ed è data bene”. A Tokyo Gregorio ha mostrato come i campioni possano diventare eroi se lo vogliono. Come lui ha voluto fortemente il bronzo olimpico nella 10 km a cinque cerchi.

(foto@Deepbluemedia)

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport