Seguici su

Cerca nel sito

Atp Finals, Sinner sfiora l’impresa: Medvedev vince, ma con difficoltà

Jannik perde ma a testa alta. Ovazione del pubblico per l’altoatesino, decimo al mondo

Torino – Come se avesse vinto Sinner. Il ragazzo di 20 anni e già decimo al mondo, e appena entrato nella Top Ten, ha messo in grande difficoltà il gigante Medvedev. Il numero due al mondo si è anche innervosito durante il match appena concluso alle Atp Finals.

Perde Jannik per 6-0 6-7 7-6. Ma l’attenzione dei tifosi si concentra dal secondo set. Sinner chiede il toilette break ed esce dal campo. Evidentemente ha dato un pizzico di serenità all’altoatesino lo staccare un attimo per ritrovare concentrazione e lucidità, dopo aver perso il primo set. E lui ha ribaltato il destino sportivo. Non è stato facile per il russo vincere su Sinner, che ha combattuto e mostrato grande personalità. Grandissima rabbia agonistica. Con il pubblico del Pala Alpitour in delirio. Un secondo set di grandi scambi e colpi messi a segno da Sinner, sporcato a volte il gioco dalla ‘maledetta rete’ che frenava la corsa della pallina verso il punto a favore. I proiettili di Medvedev laterali e centrali, finiti in modo chirurgico sulle linee del cemento blu, hanno fatto macinare punti all’avversario di Jannik che non ha mai mollato. Errori da parte di entrambi sfruttati e poi recuperati. Entrambi hanno inseguito il set point nel continuo point break, perché era Sinner che premeva e che dimostrava di essere un gigante, sotto i riflettori del palazzetto torinese. L’azzurro ha imparato ad andare sotto rete e lì le smorzate palle hanno fatto la differenza per acciuffare punti preziosi. Entusiasti i tifosi torinesi che hanno trovato in Sinner il loro idolo della serata.

Sfuma il sogno della seconda vittoria, ma Medvedev si ricorderà di questo ‘ragazzino terribile del tennis’ che non ha concesso nulla al numero due del mondo, a tratti in partita, quasi normale e che ha dovuto fare i conti anche con il nervosismo e la sofferenza, quasi stesse perdendo la pazienza, con un avversario che probabilmente così non si aspettava. Vince il russo e prosegue in semifinale. Il terzo set sudatissimo dai due fino alla fine e conquistato con fatica da Medvedev. Ad ogni punto acciuffato rispondeva Sinner e viceversa, con scambiati anche i match point. Ma l’azzurro c’era e ha dimostrato di valere più del decimo posto in Atp.

2 a 1 il match al termine per Medvedev allora. Sinner ha dimostrato crescita e farà grandi cose in futuro. Non fa il record italiano di vittorie in Atp Finals nella sua ultima partita in competizione, ma proprio il futuro è dietro l’angolo. Appena termineranno le Atp Finals, ecco la Coppa Davis. Tutto è possibile.

(foto@Federtennis/Giampiero Sposito)

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport